Danubio salato

Un ottimo pan brioche soffice, guarnito e farcito,
simpaticamente modellato a palline

 Danubio salato

Ingredienti
per una tortiera da 24 cm circa
  • 480 g di farina 00
  • 150 g di farina 0 (o manitoba)
  • 3 uova medie + 1 tuorlo per spennellare
  • 180 ml di latte
  • 50 ml di olio extravergine di oliva
  • 3 cucchiaini di sale fino
  • 1 cucchiaino raso di zucchero
  • 20 g di lievito di birra
  • 150 g di prosciutto cotto a dadini
    (ma considerare anche le Osservazioni in calce)
  • 150 g di formaggio a pasta semitenera
    (ma considerare anche le Osservazioni in calce)
Preparazione

Unire le due farine a fontana sul piano di lavoro. Praticare un foro al centro del preparato e aggiungere prima le uova (se sono molto grandi ridurre a due uova) poi il latte tiepido in cui si è sciolto il lievito assieme allo zucchero.
Impastare con una forchetta e aggiungere a filo l’olio seguito dal sale. Proseguire dell’impasto fino a ottenere un panetto morbido, liscio e omogeneo. A seconda dell’assorbimento della farina, potrebbe servirne un po’ di più, per cui, in questo caso, aggiungerla ora poco alla volta sul piano di lavoro. Mettere a lievitare in una ciotola di plastica coperta da pellicola in un luogo caldo lontano da correnti d’aria per circa tre ore o comunque fino al raddoppio del volume.
Riprendere l’impasto e formare circa 15 palline; riempirle con salumi e formaggi, e chiuderli bene sul fondo. Rivestire una tortiera di carta-forno (meglio se di quelle apribili) e sistemare le palline l’una accanto all’altra: tra l’una e l’altra vi saranno spazi che la lievitazione colmerà. Lasciare lievitare per un’altra ora circa in luogo caldo. Spennellare la superficie con tuorlo d’uovo sbattuto e infornare a 200° per circa 30-40 minuti fino a doratura.
Coperto da un canovaccio, il Danubio salato rimane soffice per diverso tempo.

Osservazioni

È facile sbizzarrirsi nel ripieno, aggiungendo, ingredienti a piacere come würstel a tocchetti, salame, salsiccia, mozzarella, emmental, formaggi dolci dei Paesi Bassi, verdure, funghi…

Decorare la superficie con semi di sesamo può inoltre costituire un pregevole tocco di gusto in più, bello e buono.

Note

Testato con grande successo in pic-nic di primavera a Colle Don Bosco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...